Festa di inizio estate 2019
26 Maggio 2019
Notiziario Parrocchiale 2 giugno 2019 – Ascensione
1 Giugno 2019

Commento al Vangelo 2 giugno 2019 – Ascensione

Mentre li benediceva, si staccò da loro e fu portato verso il cielo“. Luca 24,51

 

Testimoni tra le genti con la forza dello Spirito

ASCENSIONE DEL SIGNORE

 

Atti 1, 1-11

Salmo 46

Ebrei 9, 24-28.10,19-23

Luca 24, 46-53

 

IL VANGELO

 ([44]Poi disse: “Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi”. [45]Allora aprì loro la mente all’intelligenza delle Scritture e disse:)[1] [46]”Così sta scritto: il Cristo dovrà patire e risuscitare dai morti il terzo giorno [47]e nel suo nome saranno predicati a tutte le genti la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. [48]Di questo voi siete testimoni. [49]E io manderò su di voi quello che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto”.

[50]Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. [51]Mentre li benediceva, si staccò da loro e fu portato verso il cielo. [52]Ed essi, dopo averlo adorato, tornarono a Gerusalemme con grande gioia; [53]e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

 

Contesto. La solennità dell’Ascensione ci porta a leggere nuovamente il vangelo di s. Luca. Siamo nell’ultimo capitolo, che sembra essere organizzato in tre grandi parti, attorno al fatto della risurrezione del Signore. La prima parte (24,1-12) indica le vicende capitate al sepolcro trovato vuoto. La seconda (24,13-35) contiene il racconto dei discepoli che da Gerusalemme scendevano a Emmaus. La terza (24,36-53) conclude la prima opera lucana con la narrazione dell’apparizione del Risorto, a coloro che erano radunati nel Cenacolo, e con il racconto dell’Ascensione.

 

Contenuto. Il brano odierno inizia con le parole di Gesù risorto pronunziate nel Cenacolo. Per comprendere meglio il testo occorre tener conto del v. 45, non riportato dalla pericope liturgica: “Allora apri loro la mente all’intelligenza delle Scritture e disse:“. Dopo aver affermato che il suo insegnamento e la sua vita sono state il compimento delle Scritture (v. 44), Gesù dichiara che solo lui può rendere realmente comprensibile la Bibbia. Dopo la resurrezione, ai discepoli, che credono in lui, Gesù toglie l’incomprensione prepasquale delle Scritture e li rende capaci di cogliere fino in fondo l’evento Cristo e di viverlo in pienezza. Tutto questo ha due puniti di riferimento irrinunciabili: la passione e la resurrezione di Cristo da un lato e dall’altro la predicazione della salvezza “nel suo nome” a tutte le genti. Di conseguenza il discepolo parteciperà pienamente all’evento Cristo credendo alla sua passione-morte-resurrzione e annunciandole di rimando a tutti. D’altro canto l’evento Cristo, che è il compimento delle Scritture, non si realizzerà pienamente fino a quando “la conversione ed il perdono dei peccati” non saranno predicati a tutte le genti. Questo è lo scopo della missione della Chiesa! In tale ottica i discepoli, che hanno incontrato il Risorto, diventano i testimoni, cioè garantiscono la certezza della risurrezione e sono disposti ad accettarne tutte le conseguenze. Gesù non lascia soli i suoi e per svolgere la missione, appena indicata, da a loro in dotazione “quello che il Padre mio ha promesso“, la “potenza dall’alto” che li rivestirà. La promessa consiste nel dono dello Spirito Santo che sarà l’attore principale della missione della Chiesa.

Incontriamo infine nel passo il racconto della Ascensione. Una narrazione simile si trova anche all’inizio degli Atti. Gesù, prendendo ancora l’iniziativa, porta i discepoli fuori da Gerusalemme ed in una località verso Betania (Atti 1,12 parla di “monte degli ulivi“) alza le mani e li benedice. Egli non sarà più presente col corpo tra i suoi, ma la sua benedizione continua a legarli a lui e diventa garanzia della sua presenza invisibile. L’ultimo gesto di Gesù avvolge quindi pienamente i discepoli, nel tempo e nello spazio, fino al suo ritorno negli ultimi tempi. Davanti a Gesù, che benedicente si stacca da loro, i discepoli si prostrano in adorazione orante. Questo sembra essere l’atteggiamento fondamentale d’assumere davanti al mistero di Gesù Cristo, il quale, se accolto così, produce a Gerusalemme, o in qualsiasi altra città del mondo, “grande gioia” nei discepoli e costituisce la fonte inesauribile della lode perenne della Chiesa a Dio.

 

Conclusione. Gesù sale al cielo e lascia i suoi. Egli però continua ad essere con i discepoli attraverso la potenza della sua benedizione e col dono dello Spirito Santo. Costui diventerà l’anima vitale della missione della Chiesa nella misura in cui i discepoli accoglieranno, con atteggiamento orante, il mistero di Cristo nella loro vita e, con ogni strategia, lo faranno conoscere a tute le genti. La gioia diventa il segno tangibile dell’inserimento vitale nel progetto di salvezza di Dio.

 

COLLEGAMENTO FRA LE LETTURE

L’Ascensione del Signore collega le tre letture della celebrazione odierna. Il Vangelo e gli Atti riportano la narrazione dell’avvenimento accaduto fuori da Gerusalemme, forse sul monte degli Ulivi, mentre la lettera agli Ebrei presenta la realtà nella quale Cristo è giunto con l’Ascensione: “non è entrato in un santuario fatto da mani d’uomo, … ma nel cielo stesso“. Gesù crocefisso-risorto ora è presso il Padre; egli ha inaugurato per noi una via nuova ed è diventato il “sacerdote grande sopra la casa di Dio“. Invita ad avere piena fiducia in lui credendo di poter entrare nel nuovo santuario, cioè al cospetto di Dio, e di poter accostarsi a lui. Perché questo si realizzi, Gesù manda lo Spirito Santo, che dà forza ai discepoli e li rende capaci di testimoniarlo in ogni luogo, fino a quando apparirà la seconda volta “a coloro che l’aspettano per la loro salvezza“. I discepoli nel frattempo sono invitati a mantenere, senza vacillare, la professione della speranza, “perché è fedele colui che ha promesso“.

 

PER ATTUALIZZARE

  • La comunità cristiana è invitata a porre continuamente dei segni concreti che rimandino al Risorto e rendano presente lo Spirito Santo.
  • La speranza donata dal Risorto ai suoi brilla nella gioia e nell’entusiasmo posti quando si annuncia il vangelo a tutti.
  • La comunità parrocchiale dovrebbe avere come finalità di ogni sua progettazione far incontrare tutti con Gesù Cristo.

 

PER APPROFONDIRE

CdA nn. 272-275: Costituito Messia e Salvatore

[1] In grassetto la pericope liturgica.