Notiziario Parrocchiale 28 luglio 2019 – XVII dom. T.O.
27 Luglio 2019
Notiziario Parrocchiale 4 agosto 2019 – XVIII dom. T.O.
4 Agosto 2019

Commento al Vangelo 4 agosto 2019 – XVIII dom. T.O.

Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché se anche uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende dai suoi beni”. Luca 12,15

 

PORRE NEL SIGNORE OGNI SICUREZZA

 

XVIII DOMENICA TEMPO ORDINARIO

 

Qoèlet 1, 2; 2, 21-23

Salmo 94 (95)

Colossesi 3, 1-5.9-11

Luca 12, 13-21

 

IL VANGELO

13 Uno della folla gli disse: “Maestro, dì a mio fratello che divida con me l’eredità”. 14 Ma egli rispose: “O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi? ”. 15 E disse loro: “Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché anche se uno è nell’abbondanza la sua vita non dipende dai suoi beni”. 16 Disse poi una parabola: “La campagna di un uomo ricco aveva dato un buon raccolto. 17 Egli ragionava tra sé: Che farò, poiché non ho dove riporre i miei raccolti? 18 E disse: Farò così: demolirò i miei magazzini e ne costruirò di più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. 19 Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e datti alla gioia. 20 Ma Dio gli disse: Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato di chi sarà? 21 Così è di chi accumula tesori per sé, e non arricchisce davanti a Dio”.

 

Contesto. Siamo nella seconda tappa del viaggio di Gesù verso Gerusalemme. Dopo l’insegnamento dato ai discepoli sulla preghiera, Gesù dà altre istruzioni ed ha dei conflitti con gli avversari. Nel capitolo dodicesimo egli dà nuovi avvertimenti ai discepoli ed insegnamenti al popolo.

 

Contenuto. La pericope si articola in tre parti. All’inizio (12,13 – 14) Gesù è presentato in una vicenda in cui si rifiuta di conciliare una lite familiare sorta per motivi d’eredità. I rabbini ebrei, infatti, oltre che di compiti religiosi, erano esperti di questioni giuridiche, per questo è chiesto a Gesù di intervenire perché il figlio maggiore si ricordi di condividere l’eredità col fratello. Gesù risponde affermando la sua estraneità alle “cose” giuridiche: “chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?”. Egli è venuto primariamente ad annunciare il regno di Dio. La seconda parte del brano è costituita da un’ammonizione sulla necessità di vigilare per non cadere nel vizio della cupidigia. (12,15).

Questa, che era considerata propria dei pagani, s’intrufola anche tra i credenti. La conseguenza consiste nell’avere sempre di più beni naturali, che sembrano dare sicurezza, ed ottenere progressivamente la fede in Dio: “perché se anche uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende dai suoi beni”. La terza parte è costituita dalla parabola del ricco stolto (12,16 – 20). Il racconto parabolico serve per smascherare l’assurdità della fiducia riposta in modo sbagliato nell’abbondanza dei beni terreni. Anche se l’uomo può aver la sensazione di dominare i beni materiali, egli non può gestire e dominare la sua vita, che è sempre e solo nelle mani di Dio. La domanda finale della parabola coinvolge profondamente l’ascoltatore: “E quello che hai preparato di chi sarà?”. Il brano si chiude con la considerazione relativa alla sorte “di chi accumula tesori per sé, e non arricchisce davanti a Dio”.

 

Conclusione. Gesù Cristo è venuto non per dirimere le questioni umane, ma per annunciare il regno di Dio. In lui le cose, le relazioni ed i progetti degli uomini diventano relativi e marginali in quanto contano Dio e l’attuazione della sua volontà. I discepoli devono vigilare per porre la loro sicurezza nel Signore e non nei beni materiali di questo mondo.

 

COLLEGAMENTO FRA LE LETTURE

Il problema dell’uomo che dimentica Dio nella sua vita collega le letture odierne. Contro questo rischio invita a riflettere, nella prima lettura, il libro di Qoèlet. Anche se uno lavora “con sapienza, scienza e successo, dovrà poi lasciare i suoi beni a un altro che non ha neppure faticato”. Chi ha investito tutte le sue energie per l’acquisto dei beni materiali e per le ricchezze, finisce per faticare tutto il giorno, per vivere nell’affanno e nella preoccupazione notte e giorno. A quest’uomo, disorientato e sfiduciato si rivolge Gesù Cristo nel vangelo, invitandolo ad alzare lo sguardo dalle cose materiali e ad accogliere il regno di Dio, che lui è venuto ad annunciare e a portare per la felicità delle genti.

Chi nella propria esistenza incontra Gesù Cristo ed il suo vangelo è invitato a non finire la sua vita limitandosi all’orizzonte delle realtà sperimentabili, ma a cercare “le cose di lassù dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio”. Questo è l’insegnamento di Paolo. Egli non condanna i beni materiali, ma afferma che questi non possono dare la piena felicità che solo viene dal Signore. Per questo motivo allora il credente deve fare delle scelte e delle rinunce che gli permettono di vivere con equilibrio in rapporto con le realtà materiali e per avere la giusta relazione con Dio.

 

PER ATTUALIZZARE

  • Come personalmente e comunitariamente viviamo il rapporto con i beni materiali? Sono essi al nostro servizio oppure ci rendono schiavi?
  • Sappiamo fare delle rinunce alle cose, alle esperienze, alle relazioni umane per aver tempo e spazi adeguati al nostro rapporto con Dio?
  • Come curiamo la nostra formazione cristiana? Ci siamo fermati al catechismo dell’iniziazione cristiana oppure continuiamo nella comunità a crescere lasciandoci guidare dalla parola di Dio?

 

PER APPROFONDIRE

CdA nn. 1124-1127: Fratelli mediante i beni materiali ed il lavoro.