Visita alla Basilica di S.Andrea
25 Marzo 2019
Notiziario Parrocchiale 31 marzo 2019 – IV° Quaresima
29 Marzo 2019

Commento al Vangelo 31marzo 2019 – IV° Quaresima

Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te“. Luca 15, 18

 

L’Amore che converte e dà la vita

IV DOMENICA  DI QUARESIMA

 

Giosué 5, 9a.10-12

Salmo 33

2 Corinti 5, 17-21

Luca 15, 1-3.11-32

 

IL VANGELO

 [11]Disse ancora: “Un uomo aveva due figli. [12]Il più giovane disse al padre: Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta. E il padre divise tra loro le sostanze. [13]Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto. [14]Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. [15]Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. [16]Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava. [17]Allora rientrò in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! [18]Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; [19]non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni. [20]Partì e si incamminò verso suo padre. Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. [21]Il figlio gli disse: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. [22]Ma il padre disse ai servi: Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi. [23]Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, [24]perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato. E cominciarono a far festa. [25]Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; [26]chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò. [27]Il servo gli rispose: E’ tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo. [28]Egli si arrabbiò, e non voleva entrare. Il padre allora uscì a pregarlo. [29]Ma lui rispose a suo padre: Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. [30]Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso. [31]Gli rispose il padre: Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; [32]ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”.

 

Contesto. Siamo al centro della sezione che presenta il viaggio di Gesù verso Gerusalemme. Qualcuno definisce il capitolo quindici: “cuore del terzo vangelo”. Qui, come precedentemente, la scena del pasto che viene consumato da Gesù, fa da sfondo. Ora però i commensali non sono più gli scribi ed i farisei ma i peccatori. In questo quadro si collocano le tre parabole dette della “misericordia”: la pecora smarrita (15, 3-7), la moneta d’argento perduta (15, 8-10) e la parabola del padre con i suoi due figli (15, 11-32). La liturgia quaresimale propone soltanto la terza.

 

Contenuto. Il brano si apre con una introduzione (vv. 1-3) che presenta i pubblicani ed i peccatori particolarmente vicini a Gesù, “per ascoltarlo“. I farisei e gli scribi invece mormorano a causa del comportamento poco ortodosso tenuto da Gesù. Infatti gli ebrei osservanti devono assolutamente evitare di avere rapporti di qualsiasi genere con i peccatori. Segue la parabola (vv. 11-32) organizzata in due scene, che sono delineate dal comportamento dei figli e collegate tra loro dalla figura e dagli atteggiamenti del padre. L’itinerario del figlio più giovane è descritto molto dettagliatamente: allontanamento dal padre, decadimento morale, inizio della conversione e tappe successive, ritorno al padre. Ogni peccatore può identificarsi in questa figura e vede la propria esperienza di lontananza da Dio. È il padre poi che prende l’iniziativa e va incontro al figlio (“il padre lo vide e gli corse incontro“). La riconciliazione, carica di doni paterni, è concessa a chi è figlio e tale si riconosce: “non sono più degno d’essere chiamato tuo figlio“. Il figlio maggiore, che da tanti anni serve il padre e non ha mai trasgredito un suo comando, si indigna per il comportamento assunto dal padre verso il fratello ritornato. Il padre esce a pregarlo, cercando di fargli capire il posto che egli occupa nel suo cuore, ma nello stesso tempo ribadisce la necessità di far festa per il fratello che “era stato perduto ed è stato ritrovato“. I giusti, ebrei o cristiani, si possono ritrovare in questo secondo figlio. Anch’essi, che ricevono tutto dal padre e quindi da Dio, non possono creare classi o steccati tra di loro. Gesù stesso, attraverso la parabola, si presenta come colui che viene incontro a chi si crede giusto per manifestare l’amore smisurato di Dio verso tutti. Il racconto non dice come si comporta il figlio maggiore dopo l’incontro col padre, forse perché resta sempre problematica la conversione di coloro che si ritengono giusti.

 

Conclusione. Gesù rivela con i suoi insegnamenti e col suo atteggiamento l’amore sovrabbondante di Dio per tutti gli uomini. Tra questi hanno un posto prediletto i peccatori, perché egli vuole salvare tutti. Di conseguenza il giusto, che vive particolarmente in comunione con Dio, è invitato a non creare una casta di privilegio, ma, sull’esempio di Gesù, ad operare perché tutti gli uomini incontrino l’amore di Dio e quindi la salvezza. Per vivere così è necessaria una vera e radicale conversione.

 

COLLEGAMENTO FRA LE LETTURE

Un tema che collega le tre letture potrebbe essere la categoria paolina di riconciliazione: “É stato Dio a riconciliare a sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione“. L’immagine di Dio che si riconcilia con l’umanità è espressa nella figura e nell’atteggiamento del padre della parabola evangelica. Il quadro si delinea molto meglio e stimola un approfondimento ulteriore, mettendo a confronto i reali sentimenti del padre con quanto invece i due figli erroneamente immaginano di lui. Il cuore di Dio viene manifestato anche nella prima lettura, quando Israele arriva nella terra promessa: il dono del Padre celeste.

Infine si è invitati a considerare che tipo di immagine si ha di Dio e quale poi si diffonde. È nostra responsabilità conoscere Dio come Gesù lo ha rivelato e diffondere la sua giusta immagine. In questo campo false idee possono vanificare la possibilità di autentici cammini di conversione ed escludere, se non dalla salvezza, certamente dalla gioia della comunione accolta.

 

PER ATTUALIZZARE

– È facile distinguere buoni da cattivi, giusti da ingiusti, santi da peccatori. Questo modo di giudicare non è secondo il cuore di Dio.

– La particolare attenzione di Dio per i peccatori, così come Gesù l’ha manifestata, deve interrogarci e farci riflettere sul nostro interessamento per loro.

– Quando ci si sente degli arrivati nella vita cristiana, si è già fuori pista. Una cosa è sicura: ci si deve convertire sempre!

 

PER APPROFONDIRE

CdA nn. 196-199: La festa dei peccatori riconciliati