Notiziario Parrocchiale 24 marzo 2019 – III° Quaresima
25 Marzo 2019
Visita alla Basilica di S.Andrea
25 Marzo 2019

Commento al Vangelo 24 marzo 2019 – III° Quaresima

Se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo“. Luca 13, 5

 

Gesù è il vignaiolo compassionevole

III DOMENICA DI QUARESIMA

 

Esodo 3, 1-8a.13-15

Salmo 102

1 Corinzi 10, 1-6.10-12

Luca 13, 1-9

 

IL VANGELO

[1]In quello stesso tempo si presentarono alcuni a riferirgli circa quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva mescolato con quello dei loro sacrifici. [2]Prendendo la parola, Gesù rispose: “Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? [3]No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. [4]O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Sìloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? [5]No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo”.

[6]Disse anche questa parabola: “Un tale aveva un fico piantato nella vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. [7]Allora disse al vignaiolo: Ecco, son tre anni che vengo a cercare frutti su questo fico, ma non ne trovo. Taglialo. Perché deve sfruttare il terreno? [8]Ma quegli rispose: Padrone, lascialo ancora quest’anno finché io gli zappi attorno e vi metta il concime [9]e vedremo se porterà frutto per l’avvenire; se no, lo taglierai”.

 

Contesto. Alla fine del nono capitolo, Luca presenta Gesù che si dirige risolutamente verso Gerusalemme. Durante il cammino egli, con le parole e gli atteggiamenti, rivela il senso di quanto accadrà nella città santa. Così facendo invita gradualmente i discepoli ed il lettore a camminare con lui, per partecipare della sua salvezza che là si compirà.

 

Contenuto. Il brano si divide in due parti. Nella prima (vv. 1-5) abbiamo le parole di Gesù relative a due fatti accaduti in quei tempi. Alcuni, forse per metterlo in difficoltà, gli riferiscono dei galilei uccisi da Pilato nel tempio mentre stavano compiendo i loro sacrifici. La Galilea infatti era diventata un focolaio di movimenti rivoluzionari. Qui si rifugiavano gli zeloti, un gruppo terroristico che colpiva i romani per costringerli a lasciare la Palestina. Molto probabilmente Pilato soppresse alcuni di questi esponenti che erano diventati scomodi per Roma. Gesù di sua iniziativa aggiunge poi un altro fatto: la morte di diciotto persone sotto il crollo della torre di Siloe. I due episodi servono a Gesù per comunicare alcuni insegnamenti importanti. Innanzitutto egli dichiara che le disgrazie o le malattie non sono da pensare una punizione divina per i peccati personali commessi: “credete che fossero più peccatori di tutti?” o “credete che fossero più colpevoli di tutti?“. Gesù afferma anche che tutti sono peccatori e quindi bisognosi di conversione: “se non vi convertirete perirete tutti allo stesso modo“. Infine si ricava pure che gli eventi, la natura e la storia personale manifestano sempre un messaggio di Dio per gli uomini. Nella seconda parte (vv. 6-9), attraverso una parabola, vengono approfonditi gli insegnamenti precedenti. Il fico senza frutti rimanda alla situazione di colpevolezza in cui tutti si trovano: Israele, la Chiesa, l’umanità. Il giudizio di Dio sarà inesorabile al riguardo. Egli però dà un’ultima possibilità per mezzo di Gesù Cristo, il vignaiolo compassionevole, perché si portino frutti di conversione. Allora il tempo presente è di salvezza, se si segue Gesù Cristo e ci si converte, o di giudizio, se lo si ignora, non portando frutti adeguati.

 

Conclusione. Dio parla continuamente anche attraverso tutto quello che capita attorno agli uomini! Costoro sono per lui tutti uguali ed evidenziano un unico bisogno impellente: la conversione. Solo questa può sottrarre dal giudizio tremendo di Dio. Per attuare una vera conversione occorre lasciarsi “curare” da Gesù Cristo, vignaiolo compassionevole. Con i suoi insegnamenti e col dono della sua stessa vita porta ciascuno a produrre frutti maturi.

 

COLLEGAMENTO FRA LE LETTURE

Il significato complessivo delle tre letture di questa domenica può essere individuato nell’appello ad accogliere con giusta premura il lavoro fatto da Dio, perché si portino frutti. L’idea è già chiara nella parabola di Gesù: è necessario che il lavoro del vignaiolo trovi corrispondenza nella fecondità del fico. Essa risulta anche dalla lettura del testo dell’Esodo: Dio ha osservato la miseria del suo popolo e si è deciso per l’intervento; adesso, però, tocca a Mosè “fare la sua parte“. Il riconoscimento dell’incontro avuto con il Signore, deve prolungarsi nell’impegno, faticoso e rischioso, di farsi carico della vicenda complessiva del popolo. D’altra parte il servizio fedele di Mosé al popolo diventa rivelatore di colui che lo ha mandato: Dio. Paolo interpreta, nella seconda lettura, le disavventure antiche capitate al popolo come segno della loro infedeltà e sterilità. Da qui l’invito a cogliere l’insegnamento contenuto nella storia e a non cadere.

 

PER ATTUALIZZARE

– Dio non ha cessato di comunicare con gli uomini. Sta ad essi saper cogliere anche oggi le sue rivelazioni.

– Oggi le persone sembrano continuamente alla ricerca affannosa di segni o di esperienze religiose eccezionali e fuori dal consueto. Tutta questa preoccupazione è inutile se poi non produce nei singoli concreti e visibili frutti di conversione.

– Conversione è seguire gli insegnamenti che Gesù Cristo oggi offre alle donne e agli uomini, per mezzo della Chiesa, e cambiare decisamente la vita. Il sacramento della Riconciliazione è uno di questi segni che cambiano la vita.

 

PER APPROFONDIRE

CdA nn. 141-144: Convertitevi e credete; nn. 701-711: Il sacramento della riconciliazione