Notiziario Parrocchiale 17 febbraio 2019 – VI° dom. T.O.
16 Febbraio 2019
Notiziario Parrocchiale 24 febbraio 2019 – VII° dom. T.O.
24 Febbraio 2019

Commento al Vangelo 24 febbraio 2019 – VII° dom. T.O.

Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell’Altissimo“. Luca 6, 35

 

Amare senza misura

VII DOMENICA TEMPO ORDINARIO

 

1 Samuele 26, 2.7-9.12-13.22-23

Salmo 102

1 Corinti 15, 45-49

Luca 6, 27-38

 

IL VANGELO

 [27]Ma a voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano, [28]benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano. [29]A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. [30]Da’ a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo. [31]Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro. [32]Se amate quelli che vi amano, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. [33]E se fate del bene a coloro che vi fanno del bene, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. [34]E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, che merito ne avrete? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. [35]Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell’Altissimo; perché egli è benevolo verso gl’ingrati e i malvagi. [36]Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro. [37]Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato; [38]date e vi sarà dato; una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio”.

 

Contesto. Il così detto discorso della pianura, riportato dall’evangelista s. Luca, è strutturato in tre parti. All’inizio si ha l’annuncio profetico (vv. 20-26), costituito dalle beatitudini e dai “guai”. Segue la parte parenetica (il passo odierno: vv. 27-38) ed infine quella parabolica (vv. 39-49).

 

Contenuto. Il brano inizia presentando Gesù che si rivolge a tutti i suoi uditori: “a voi che ascoltate, io dico ...”. Costoro sono i discepoli, la folla che lo circonda è idealmente chiunque si trovi ad ascoltare le sue parole. A tutti Gesù insegna: “Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano …”. L’amore al nemico è il messaggio etico specifico portato da Gesù e la novità assoluta da lui predicata e vissuta. Che cosa significa amare i nemici? Lo spiega Gesù stesso: fare del bene, benedire e pregare per coloro che vi odiano, maledicono e maltrattano. Egli precisa poi che si giunge ad amare il nemico soltanto se si fa propria la regola d’oro, presente nelle civiltà antiche: “Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro”. Gesù non dice di evitare agli altri quello che non desideriamo, ma spinge a farsi carico positivamente e creativamente di quanto immaginiamo che gli altri desiderano da noi. Vivendo così si giunge fino ad amare i nemici, cioè al vero amore cristiano. Il contenuto dell’insegnamento di Gesù è ulteriormente specificato attraverso tre interrogative retoriche nei vv. 32-34. Queste mostrano come l’amore per coloro che ci amano, la beneficenza a chi ci ha fatto del bene, il prestito concesso a chi è in grado di contraccambiare, non contrassegnano la realtà cristiana, ma sono comuni a tutti gli uomini, peccatori compresi. Gesù desidera che il comportamento dei suoi discepoli si qualifichi per l’amore verso i nemici, nel fare il bene e nel prestare “senza sperarne nulla“. Solo vivendo così, egli dice, “sarete figli dell’Altissimo” e diventerete misericordiosi come il Padre vostro. La parte finale del testo presenta le conseguenze pratiche di chi è misericordioso. Gli atteggiamenti assunti nella vita, in sintonia con le parole di Gesù, determineranno l’atteggiamento escatologico di Dio nei nostri confronti e la consistenza del premio eterno.

 

Conclusione. Chi ascolta le parole di Gesù necessariamente deve incarnarle nella vita attraverso un comportamento etico conseguente. Il cristiano è lanciato da Gesù verso l’obiettivo specifico dell’amore da lui insegnato che porta a fare agli altri quello che essi desiderano da noi. Questa prospettiva deve completarsi necessariamente con l’amore al nemico. Solo così si è veri discepoli di Cristo e figli di Dio in camminano verso il premio eterno.

 

COLLEGAMENTO FRA LE LETTURE

Davide è nell’accampamento di Saul e tutta la truppa del re dorme profondamente. Egli ha la possibilità di eliminare il suo nemico, ma non vuole uccidere Saul e dice: “chi mai ha messo la mano sul consacrato del Signore ed è rimasto impunito?“. Per questo la lancia del re e “la brocca d’acqua, che era dalla parte del capo di Saul” diventano il segno che Davide ha risparmiato il “consacrato del Signore” e che “il Signore renderà a ciascuno secondo giustizia”. Il comportamento di Davide descritto nella prima lettura è l’anticipazione dell’insegnamento evangelico di Gesù, che vuole i suoi discepoli capaci di amore concreto verso tutti fino ad amare i nemici. Questa prospettiva di vita non è sicuramente possibile all’uomo fatto soltanto di terra, come dice s. Paolo nella seconda lettura. Per entrare in tale dinamica evangelica è necessario portare sempre più “l’immagine dell’uomo celeste“, che completa “l’immagine dell’uomo di terra“, e rende sempre più “figli dell’Altissimo“.

 

PER ATTUALIZZARE

– Gli insegnamenti di Gesù sono stati lasciati e tramandati perché siano accolti e messi in pratica dai discepoli. Come li recepiamo?

– Il comandamento dell’amore è portato fino all’ultima radicale accentuazione: amare i nemici. Questo qualifica i cristiani!

– Il discepolo è invitato ad aprire il cuore e ad assumere come criterio di vita un amore senza misura.

 

 

PER APPROFONDIRE

CdA nn. 161-164: Amare concretamente